Would you like to view our US Site?

Una piu’ grande volontà politica e’ urgente per fermare la negligenza dei paesi europei di fronte al degrado degli habitat marini europei

Le organizzazioni ambientaliste chiedono di istituire misure  di gestione concrete  in aree marine protette

 

ClientEarth, Coalition Clean Baltic, Oceana, Seas at Risk e WWF avvertono che la vita marina in Europa viene danneggiata dal fatto che gli stati dell’Unione Europea non stanno gestendo in modo attivo le aree marine protette. Questa negligenza, mette a rischio gran parte della biodiversità nella rete marina Natura 2000 di siti protetti, che protegge su carta circa il 10% delle acque in tutta l'Unione europea.

La vita marina in molte di queste aree è sotto crescente minaccia, a causa della mancanza di gestione e monitoraggio delle attivita’ umane, e a causa della mancanza di finanziamenti. Gli Stati europei rischiano quindi di non adempire a propri obblighi di migliorare la conservazione marina entro il 2020, come stabilito a livello internazionale dall'obiettivo Aichi 11 della Convenzione sulla diversità biologica, e a livello europeo dalla direttiva quadro sulla strategia marina.

Le organizzazioni ambientaliste hanno chiesto ai leader europei un'azione politica urgente per migliorare la situazione. Questo include la richiesta di migliorare la gestione di queste aree in modo tale da garantire lo stato di conservazione degli habitat e delle specie protette, e a fine di sospendere le attività umane che continuano a danneggiare questi "paradisi sicuri".

Questa settimana, i paesi dell'Unione Europea si incontreranno a Maiorca per il secondo seminario marino a livello europeo per discutere in che modo garantire la conservazione e in che modo gestire i siti marini di Natura 2000.

L'incontro fa parte di un processo avviato dalla Commissione europea nel 2012 per aiutare i paesi dell’Unione a migliorare lo stato delle specie e degli habitat protetti ai sensi delle direttive europee Uccelli e Habitat. Questo incontro contribuisce alla strategia UE sulla biodiversita’ che ha l’obiettivo di preservare la vita marina straordinaria e vulnerabile dell’Unione Europea.

La rete di aree protette non e’ equamente distribuita tra i paesi europei a causa del mancato progresso da parte dei paesi stessi.  Infatti, nella maggior parte dei casi, la gestione e il monitoraggio dei siti sono incompleti e i finanziamenti sono insicuri. Questi fattori mettono a rischio il raggiungimento dell’obiettivo di creare una rete di aree marine protette per conservare e ripristinare la vita marina dell'Unione Europea.

Le organizzazioni ambientaliste commentano lo stato attuale della protezione marina nell'UE:

Tatiana Lujan, avvocato per la conservazione della terra del cliente, ha dichiarato:

"Le nazioni europee hanno fatto importanti progressi nella designazione di aree marine protette, su carta. Tuttavia, in realtà questi siti riusciranno a proteggere la biodiversità marina europea solo se verranno prese azioni concrete. Gli Stati dell’Unione Europea devono ora stabilire obiettivi coerenti con lo stato di conservazione di questi siti - compreso il ripristino delle aree che ne hanno bisogno - e assicurare che le attività all'interno di questi siti, come la pesca, non danneggino l'integrità dei siti o le possibilità di ripristino. ”

Il segretario esecutivo della coalizione Clean Baltic Mikhail Durkin ha dichiarato:

"Le aree marine protette nel Mar Baltico e in tutta Europa hanno bisogno di misure di conservazione pertinenti ed efficaci per raggiungere gli obiettivi specifici di conservazione delle aree marine protette. Questo e’ particolarmente urgente per le aree marine protette designate per la specie Phocoena phocoena del Mar Baltico, che e’ una specie in via di estinzione. "

Il direttore esecutivo di Oceana Europe, Lasse Gustavsson, ha dichiarato:

"Abbiamo bisogno di passare dal mondo virtuale a quello reale. Le aree protette, dal punto di vista teorico, non fanno nulla per preservare i mari europei dai problemi reali come la perdita di biodiversità, la distruzione degli habitat marini e la pesca eccessiva. I danni all'ambiente aumentano ad un ritmo più veloce rispetto agli sforzi fatti per arrestarli, e i parchi marini disegnati su un pezzo di carta fanno solo notizia".

Alice Belin, responsabile della politica marittima di Seas at Risk, ha dichiarato:

"I governi dell'Unione Europea si sono impegnati a rendere i nostri mari puliti e in salute entro il 2020. La creazione di una rete di aree marine protette con misure di conservazione effettive è un passo fondamentale per rendere i nostri mari europei più sani e più resilienti alle pressioni delle attività umane. In un anno, questo può e deve essere fatto. "

Anna Soirinsuo, ufficiale di conservazione marina del WWF Finland, ha dichiarato:

"Raggiungere la copertura del 10% entro il 2020 è solo la metà dell'obiettivo. Senza una gestione e un monitoraggio efficaci, i siti di Natura 2000 sono semplicemente dei contorni sulla mappa e non forniscono alcuna protezione alle specie e agli habitat previsti ".